post

Il Chieti Calcio Femminile pareggia in casa contro il Catania

Il Chieti Calcio Femminile pareggia 1-1 con il Catania in casa all’Antistadio di Francavilla. È stata una partita che le neroverdi hanno avuto in mano per lunghi tratti, in particolare nella prima frazione di gioco quando hanno avuto tante buone occasioni per andare in vantaggio prima del gol di Vukcevic che ha sbloccato il punteggio al 42′. Nella seconda invece un leggero calo fisico e mentale ha portato al pareggio della squadra ospite che ha poi fissato l’1-1 finale.
Un vero peccato perché, per quanto visto in campo, forse le ragazze di Mister Lello Di Camillo avrebbero meritato di più. Da segnalare anche una direzione arbitrale non proprio all’altezza: alcune discutibili decisioni del direttore di gara hanno alzato la tensione di una partita che era stata corretta da entrambe le parti. Su tutte la mancata concessione di un rigore nel primo tempo per un fallo di mani in piena area di un difensore ospite e la possibile mancata espulsione di Ndiongue per fallo di reazione su Fischer nel secondo.
L’inizio del Chieti è arrembante. Al 5′ Benedetti colpisce un clamoroso palo con un diagonale su cross di Giada Di Camillo, poi il pallone finisce sui piedi di Giuliana che tira verso la porta, ma Aleo blocca a terra.
Un minuto dopo Giulia Di Camillo lancia in avanti per Carnevale che, sulla disperata uscita di Aleo, mette fuori di un soffio. Al 9′ Aleo respinge di pugni la punizione di Vukcevic.
Poco dopo è Giuliana a provarci da fuori, ma ancora Aleo riesce a bloccare la sfera.
La prima azione d’attacco del Catania arriva al quarto d’ora quando Ndiongue si libera bene e fa partire un insidioso tiro verso la porta di Falcocchia, ma quest’ultima è bravissima a distendersi e deviare.
Al 27′ il duello fra le due si ripete ed è ancora l’estremo difensore neroverde ad avere la meglio, ma comunque l’arbitro aveva fermato l’azione per fuorigioco della numero dieci siciliana.
Al 32′ un tiro-cross di Giulia Di Camillo dalla fascia impegna Aleo che arpiona il pallone con sicurezza.
Quattro minuti più tardi, sull’angolo di Giulia Di Camillo, la sfera finisce sui piedi di Fischer che prova a beffare Aleo, ma il portiere del Catania non si fa sorprendere.
Al 40′ il primo episodio incriminato: su un cross dalla fascia di Fischer un difensore tocca con il gomito in piena area, ma il direttore di gara lascia proseguire fra le proteste delle giocatrici neroverdi.
Al 42′ arriva il meritato vantaggio del Chieti: sul tiro dal limite di Giada Di Camillo un difensore respinge il pallone vistosamente con il braccio, batte il calcio di punizione Vukcevic che lascia partire una velenosa traiettoria a scendere che batte Aleo. Sugli spalti è grande festa per la rete delle neroverdi.
Si va dunque negli spogliatoi con il Chieti in vantaggio per 1-0.
Mister Lello Di Camillo cambia subito mandando in campo De Vincentiis al posto di Di Sebastiano al 1′.
Al 6′ l’altro episodio del quale si diceva all’inizio: Ndiongue reagisce spingendo Fischer, ma l’arbitro opta per un semplice cartellino giallo e non per un eventuale rosso che avrebbe lasciato le siciliane in dieci.

All’8′ Giulia Di Camillo sfiora la traversa direttamente da calcio di punizione.
Un minuto dopo è Falcocchia a sventare la conclusione di Ndiongue parando a terra.
All’11′ il Catania pareggia: lancio filtrante di Ndiongue per Vitale che lascia partire un fendente dal limite dell’area, Falcocchia tocca ma non riesce ad evitare che il pallone finisca in rete.
Al 24′ Vitale va verso l’area neroverde, ma la sua conclusione viene parata a terra da Falcocchia.
Al 35′ Vitale si libera in maniera sospetta di De Vincentiis e mette al centro dove arriva in corsa Pennisi che da posizione favorevole manda incredibilmente a lato.
Il Chieti vuole la vittoria e prova con le poche forze rimaste a far sua la gara. Al 37′ Vukcevic chiama alla parata in due tempi Aleo. Un minuto dopo un gran tiro di controbalzo di Giulia Di Camillo sfiora si pochissimo la traversa dando l’illusione del gol. C’è spazio negli ultimi minuti della partita per Giuliani che al 37′ sostituisce Panichi. Non succede più nulla fino al termine: finisce 1-1 con il Chieti che ha molto da recriminare per come sono andati i novanta minuti. Le nenoverdi salgono a 10 punti in classifica e sono attese domenica prossima da un altro impegno casalingo contro il Sant’Egidio Femminile.

Tabellino della partita:

Chieti Calcio Femminile – Catania Calcio Femminile 1-1

Chieti Calcio Femminile: Falcocchia, Di Camillo Giada, Ferrazza, Di Sebastiano (1′ st De Vincentiis), Benedetti, Vukcevic, Fischer, Di Camillo Giulia, Panichi (35′ st Giuliani), Giuliani, Carnevale.
A disp.: Seravalli, Di Domizio, Gangemi, Lacentra, Colecchi, Di Muzio.
All.: Di Camillo Lello
Catania Calcio Femminile: Aleo, Pietrini, Pennisi , Agati, Signorelli, Salvoldi, Finocchiaro (35′ st Di Mauro), Martella, Vitale, Ndiongue, Migneco. A disp.: Puglisi, Chirico, Fazio, Lo Vecchio, Parlascino, Russo, Sarao, Miraglia.
All.: Scuto Giuseppe Giorgi
Arbitro: Dini di Città di Castello
Assistenti: Mazzocchetti di Teramo e De Martino di Vasto.
Ammonite: Di Camillo Giada, Benedetti (Ch); Ndiongue, Salvoldi (Ct)
Reti: 42′ st Vukcevic, 11′ st Vitale

IMPRESSIONI POST PARTITA:

Giulia Di Camillo: “Abbiamo iniziato molto bene, poi verso la fine del primo tempo siamo un po’scese.
Negli ultimi di gara cerchi il tutto per tutto, ma non sempre ti riesce il colpo. Dispiace perché credo si sia visto che come squadra possiamo fare molto di più: potevamo vincere la partita, ma quando non concretizzi molte occasioni capita di prendere gol e poi non si arriva a prendere i tre punti.
C’è rammarico visto che avevamo preparato la partita molto bene. Dobbiamo imparare a mantenere la concentrazione per tutti i novanta minuti perché se tu giochi al meglio i primi venti, ma poi il resto non è come i primi è normale che non si riesca a vincere. Dobbiamo lavorare su questo, allenandoci sempre di più per essere al meglio anche fisicamente.
Ci aspetta un altro match casalingo importante nel quale bisogna assolutamente conquistare i tre punti. Quando ho tirato la punizione e vedevo la palla scendere ho creduto di segnare, ma poi non è andata così. La porta sembrava stregata. Io sto ancora recuperando, ma devo accelerare ed essere più concreta e fare gol: non che sia la mia priorità visto che sono una centrocampista, però noi più esperte dobbiamo trascinare la squadra e cercare di segnare e far segnare tenendo compatto il gruppo.
Vedo bene la squadra: essendo un gruppo nuovo deve amalgamarsi partita dopo partita, ma credo che al di là del pareggio, l’ho vista in crescita. Recupereremo altre pedine importanti come Gangemi, ora si deve solo lavorare pensando che possiamo fare bene. Giochiamo un bel calcio, ma si deve migliorare un po’ sotto porta e anche in fase difensiva”.

Piero Vittoria

post

Il Chieti Calcio Femminile vince contro il Salento Women e vola a nove punti in classifica

Il Chieti Calcio Femminile batte 2-1 il Salento Women in casa all’Antistadio di Francavilla al Mare e si porta a 9 punti in classifica conquistando la terza vittoria consecutiva dopo l’unico passo falso avuto finora, quello alla prima contro il Pomigliano.
Le neroverdi giocano una partita dai due volti: primo tempo condotto quasi costantemente all’attacco, coronato dai due gol di Giulia Di Camillo e Vukcevic, un terzo sfiorato e poi la rete del Salento subita purtroppo allo scadere; un secondo tempo nel quale c’è stato un piccolo calo e la contemporanea risalita delle avversarie, ma le neroverdi sono state comunque brave a gestire il risultato nonostante l’espulsione di Scioli arrivata a circa venti minuti dal termine della partita che avrebbe potuto complicare le cose.
La cronaca del match si apre al 12′ con le ospiti che vanno alla conclusione con Cucurachi, ma il suo tiro finisce a lato. Due minuti dopo un’insidiosa parabola di Fischer da posizione defilata sfiora l’incrocio dei pali. Al quarto d’ora un autentico miracolo di Falcocchia sul gran tiro di Cucurachi salva le neroverdi dalla capitolazione. Il Salento insiste e poco dopo è D’Amico a sfiorare il montante con un pregevole tiro a giro.
Al 18′ il Chieti passa in vantaggio: cross perfetto dalla fascia di Fischer per la testa di Giulia Di Camillo che indirizza il pallone dove Raicu non può proprio arrivare.
Le neroverdi vogliono il raddoppio e si portano sempre di più all’attacco. Al 23′ è Carnevale, fra le migliori in campo, a mettere alto sulla traversa da buona posizione.
Al 25′ un grande intervento difensivo di Ferrazza evita il peggio: ottimo l’anticipo in angolo su Tirabassi.
Il Chieti raddoppia al 32′ con una magistrale punizione di Vukcevic: nulla da fare nella circostanza per Raicu che non può assolutamente arrivare sulla millimetrica parabola disegnata dall’attaccante neroverde. L’azione più bella del primo tempo arriva al 38′ quando Fischer mette in movimento Scioli che a sua volta vede Vukcevic al centro dell’area, la serve, ma il tentativo di quest’ultima finisce alto.
Al 43′ il Chieti sfiora il tris: Scioli va verso l’area, esce a valanga Raicu, il pallone finisce sui piedi di Panichi che a porta sguarnita prova la conclusione da lontano, ma il pallone si stampa sul palo interno e torna incredibilmente in campo. Allo scadere del primo tempo il Salento accorcia le distanze con D’Amico brava sulla punizione di Costadura a toccare la sfera di quel tanto da ingannare Falcocchia.
Si va dunque al riposo sul 2-1 per le padroni di casa.
La ripresa comincia nel segno del Chieti con Vukcevic che conclude al volo fra le braccia di Raicu.
Al 13′ Panichi conclude alto sulla traversa. Al 28′ Scioli rimedia l’espulsione e lascia le sue compagne in dieci per il finale di partita. Al 36′ è Fischer ad andarsene in azione personale e concludere a rete, miracolosa la parata di Raicu che toglie il pallone dall’incrocio dei pali.
Due minuti dopo un’ottima intuizione di Giulia di Camillo favorisce l’inserimento in area ancora di Fischer che mette in rete, ma l’arbitro ravvede una posizione di offside e annulla.
Non si segnalano altri episodi di rilievo fino al termine ed il Chieti festeggia così un’importante vittoria in vista della difficile trasferta contro la Ludos.

Tabellino della partita:

Chieti Calcio Femminile – Salento Women 2-1

Chieti Calcio Femminile: Falcocchia, Di Camillo Giada, Ferrazza, Benedetti, Vukcevic, Fischer, Di Camillo Giulia, Panichi, Giuliani, Carnevale, Scioli.
A disp.: Seravalli,De Vincentiis, Di Sebastiano, Di Domizio, Gangemi, Giuliani, Lacentra, Colecchi.
All.: Di Camillo Lello
Salento Women: Raicu, Risola (37′ pt Ruggio), Felline, Costadura, Guido, Colavolpe (30′ pt Coluccia), Cucurachi, De Benedetto (12′ st Margari), Cazzato, D’Amico, Tirabassi (36′ st Ouacif). A disp.: Errico, Aprile, Vitti, Polo, Durante.
All.: Indino Vera
Arbitro: Eremitaggio di Ancona
Assistenti: Fatato di Avezzano e Di Rocco di Pescara.
Ammonite: Ferrazza, Di Camillo Giada, Scioli (C); Indino (S)
Espulsa: Scioli (C)
Reti: 18′ pt Giulia Di Camillo, 32′ pt Vukcevic, 45′ pt D’Amico

IMPRESSIONI POST PARTITA:

Lisa Falcocchia: “Nel primo tempo abbiamo giocato bene e siamo state concentrate, ma poi c’è stato un calo negli ultimi minuti e abbiamo subito il gol. Loro sono rientrate in campo più determinate ed aggressive, ma noi siamo state brave a portare a casa i tre punti. Abbiamo tenuto testa ad un’ottima squadra vincendo una partita che si era fatta difficile. La mia parata nel primo tempo? È stato l’intervento più duro del mio match. La punizione di Vukcevic mi è piaciuta molto, ma anche il gol di Giulia è stato bello: la loro presenza in campo per noi è molto importante, come quella del capitano Giada. Anche le nuove ragazze si sono integrate al meglio: si sta formando un bel Chieti che spero potrà fare bene.
Siamo seconde con 9 punti e tre vittorie consecutive che fanno morale. Ora pensiamo alla trasferta contro la Ludos”.

Piero Vittoria

post

Il Chieti perde contro il Pomigliano

La Chieti Calcio Femminile inciampa nella prima gara di Campionato di Serie C girone D. Netto 6-0 del Pomigliano sulle neroverdi che per 90 minuti soffrono il gioco delle partenopee che trovano il primo gol dopo soli 5 minuti di gioco con Galluccio. Al 10′ è Petraglia a siglare il 2-0 con un tiro dalla distanza sul quale Falcocchia non può nulla. Dopo un minuto direttamente da rinvio dal fondo di Del Pizzo si invola Iannotra che con un pallonetto realizza il 3-0 con il quale si andrà a riposo per la fine del primo tempo. Il Chieti in questa domenica da dimenticare prova a ribaltare le proprie sorti più di una volta con Giulia Di Camillo e con una nitida occasione da gol per Fischer che però sbaglia a tu per tu con il portiere. Nella ripresa le cose non cambiano. Al 55′ Galluccio trova la sua doppietta personale e al 70′ arriva il 5-0 con un tiro in diagonale di Vecchione. La gara finisce 6-0 con la seconda rete personale di Vecchione che trova un pallonetto ai danni di Falcocchia. Domenica amara per le neroverdi che sul proprio cammino hanno trovato immediatamente uno dei club più quotati alla vittoria. L’amarezza c’è, ma anche la voglia di rialzarsi subito. Le prestazioni negative ci sono e sono fatte per essere dimenticate e ribaltate. E il Chieti è questo che deve fare. Da martedì si torna in campo per gli allenamenti in vista della prima gara casalinga (che si giocherà a Francavilla al Mare il 13 ottobre alle 15.30) contro il Real Bellante.

post

Terza vittoria consecutiva per il Chieti Calcio Femminile nell’ultima di campionato con l’Apulia Trani

Il Chieti Calcio Femminile conclude il campionato come meglio non poteva: sul Campo di Sant’Anna batte l’Apulia Trani 3-2 e sigla la terza vittoria consecutiva.
Di Vukcevic, Giada Di Camillo e Scioli le reti per i tre punti che permettono di chiudere la stagione a quota 28 al settimo posto.
Grande soddisfazione per le neroverdi che hanno vissuto un’annata non facile, ma che hanno alla fine ottenuto un bel risultato.
Tante le giovani ragazze lanciate da mister Lello Di Camillo e la conferma delle giocatrici di esperienza: c’è da essere orgogliosi di una squadra che ha conquistato giornata dopo giornata i suoi irriducibili tifosi che l’hanno sempre supportata con grandissimo calore ed affetto.
Il gruppo: è stata questa la forza del Chieti Calcio Femminile che ha saputo far quadrato con tutte le giocatrici e la società intorno al suo condottiero, mister Lello Di Camillo, quando ad inizio stagione forse non in molti avrebbero scommesso su un campionato così entusiasmante.
Contro l’Apulia Trani non è stata una partita facile: sotto per ben due volte, le neroverdi hanno saputo ribaltare il risultato portando a casa una bellissima vittoria.
Le prime fasi di gioco vedono un leggero predominio delle ospiti che si spingono spesso in avanti e al 7′ trovano il vantaggio grazie ad uno sfortunato retropassaggio di Gangemi che inganna Falcocchia.
Il Chieti reagisce subito e al 13′ Vukcevic ci prova dalla distanza, ma il suo tentativo si spegne a lato.
La rete del pareggio è solo rimandata di qualche minuto: al 16′ un’ottima palla filtrante di Giada Di Camillo mette in movimento al centro dell’area Vukcevic che si libera di un’avversaria e segna un gran gol mettendo la palla sul palo opposto con un millimetrico tiro sul quale nulla può fare Maldera.
Le neroverdi insistono e al 20′ un’imprendibile Scioli se ne va sulla fascia e mette al centro per Benedetti, gran tiro di quest’ultima, ma Del Vecchio salva miracolosamente quasi sulla linea di porta a portiere battuto deviando la palla in angolo.
Due minuti dopo altra bella azione in velocità del Chieti fra Vukcevic e Scioli la cui conclusione in girata impegna severamente Maldera che para a terra.
Al 28′ è ancora Scioli a tirare da fuori, Maldera respinge la sua conclusione.
Alla mezzora una spettacolare conclusione volante dalla distanza di Vukcevic finisce alta di pochissimo.
Al 39′ Vukcevic deve lasciare il campo per infortunio, al suo posto entra Forcella.
Non succede più nulla fino alla fine del primo tempo e si va dunque negli spogliatoi sull’1-1.
La ripresa si apre con lo stesso copione con il quale era iniziata la gara e l’Apulia Trani va di nuovo in vantaggio al 7′: da una punizione dalla fascia nasce il gol di Calabrese brava ad approfittare di una distrazione generale della difesa neroverde.
Il Chieti pareggia i conti al 16′: si scontrano in area pugliese Maldera e Scioli, il pallone finisce sui piedi di Giada Di Camillo che da posizione defilata centra la porta e segna la rete del 2-2.
La squadra di mister Lello Di Camillo vuole la vittoria e si porta con insistenza in fase di attacco.
Al 25′ è Scioli a segnare un gran gol con un tiro da fuori: è la rete che decide la partita.
Due minuti più tardi è Falcocchia a blindare la sua porta parando di piede la conclusione ravvicinata di Dibenedetto. Al 39′ Scioli entra in area, ma conclude a lato.
L’ultimo tentativo del match è di Di Sebastiano, ma il suo tiro si spegne debolmente fra le braccia di Maldera.
Finisce il match con il Chieti che va a festeggiare la vittoria con i suoi tifosi.
Tabellino della partita:
Chieti Calcio Femminile – Apulia Trani 3-2
Chieti: Falcocchia, Di Camillo Giada, Benedetti, Vukcevic (39′ pt Forcella), Di Sebastiano, Gangemi, La Mattina, Scioli, De Vincentiis (25′ st Colecchi), Coscia, Di Domizio (37′ st La Centra). A disp.:.
All.: Di Camillo Lello
Apulia Trani: Maldera, Calabrese(15′ st Rucci), Saltarelli, Cottino, Spinosa (38′ st Chiapperini), Ventura (30′ st De Musso), Dibenedetto, Sibilano, Racioppo, Andriolo, Del Vecchio. A disp.:.
All.:
Arbitro: D’Incecco di Perugia
Assistenti: Nunziata e Di Santo di Sulmona
Marcatrici: 7′ pt autorete Gangemi, 16′ pt Vukcevic, 7′ st Calabrese, 16′ st Giada Di Camillo, 29′ st Scioli
Ammonita: De Vincentiis (C)
Le impressioni post partita di Giorgia Colecchi:
“Il nostro bilancio finale è decisamente positivo: siamo molto soddisfatte.
Ci tenevamo a conquistare questi ultimi tre punti di fronte al nostro pubblico contro una squadra che era sicuramente alla portata. Dovevamo anche rifarci della partita dell’andata nella quale ci sfuggì la vittoria nei secondi finali di gara.
Volevamo concludere al meglio il campionato di fronte ai nostri tifosi che ci hanno spronato dall’inizio alla fine dandoci una spinta in più. Anche nelle precedenti partite volevamo fortemente vincere e ci siamo riuscite con tre vittorie nelle ultime tre partite.
C’è stata paura perché siamo andate sotto due volte contro l’Apulia: la partita poteva complicarsi, ma non abbiamo mollato continuando a spingere riuscendo così a rimontare e portare a casa il risultato. L’approccio alla gara è stato anche un po’ sfortunato visto anche il primo gol che abbiamo subito, ma poi con caparbietà ce l’abbiamo fatta.
In tante altre partite avremmo potuto conquistare punti ed invece non sono arrivati: ad esempio all’andata contro l’Apulia, ma anche con il New Team abbiamo pareggiato sfiorando però di vincere.
Avremmo dunque potuto avere una classifica ancora migliore di questa alla fine, più che altro visti i tanti sacrifici fatti dalla società ed il lavoro svolto, ma siamo comunque molto felici.
Se ricordiamo come era iniziato il campionato, fra tante difficoltà, c’è da essere soddisfatti dei 28 punti conquistati.
La nostra è una squadra molto giovane: siamo felicissime anche per questo: siamo ripartite ad inizio stagione quasi da zero con tante ragazzine e dunque il bilancio è veramente positivo.
È stato un anno di esperienza per tutte noi, ma credo sia andata decisamente bene: abbiamo gettato le basi per il futuro”.
post

Seconda vittoria in trasferta del campionato per il Chieti Calcio Femminile

Il Chieti Calcio Femminile conquista la seconda vittoria in trasferta del campionato contro l’Aprilia Racing Femminile grazie ad un’ottima prestazione.
La squadra di mister Lello Di Camillo gioca una partita attenta e mette spesso alle corde le avversarie vincendo alla fine 2-1 con i gol di Benedetti e Vukcevic.
Dopo il bel successo con il Sant’Egidio in casa dunque le neroverdi prendono altri tre punti che permettono di salire a quota 25. Manca una sola giornata alla fine della stagione e, dopo un girone di ritorno decisamente positivo, c’è da essere soddisfatti per il cammino fatto.
Mister Lello Di Camillo schiera le sue giocatrici con una sorta di 4-3-3 con Falcocchia fra i pali, difesa a quattro con de Vincentiis, Gangemi, Di Sebastiano e Coscia, centrocampo con Giada Di Camillo a destra, Di Domizio centrale e La Mattina a sinistra, attacco con Vukcevic di punta, Scioli esterno destro e Benedetti esterno sinistro.
Il primo quarto d’ora del match è di marca neroverde con alcune ottime sortite in avanti di Benedetti.
Al quinto minuto proprio Benedetti dalla fascia mette un ottimo pallone al limite dell’area, Giada Di Camillo tira in corsa colpendo in pieno la traversa.
Pochi minuti dopo azione fotocopia con Benedetti che crossa al centro, il pallone attraversa tutto lo specchio della porta, ma Scioli è in leggero ritardo sul secondo palo.
Il gol è nell’aria ed arriva puntuale al 22′: sugli sviluppi di un’azione tutta in profondità nella parte centrale del campo, Giada Di Camillo serve Vukcevic che vede l’inserimento di Benedetti, quest’ultima riesce a toccare il pallone anticipando il portiere.
Il Chieti continua a mantenere il ritmo alto. Qualche minuto dopo la rete, è Scioli ad avere la grande occasione del raddoppio, ma colpisce in pieno il palo.
L’Aprilia nel primo tempo ha solo un paio di opportunità sul finale di tempo a seguito di leggere indecisioni difensive delle neroverdi, ma in entrambe è brava Falcocchia ad uscire tempestivamente e chiudere bene lo specchio della sua porta. Si va dunque al riposo con il Chieti in vantaggio per 1-0.
La ripresa si apre con il pareggio della squadra di casa al 3′: su un lancio in verticale c’è in po’ di esitazione della difesa neroverde e Galluzzi scatta sul filo del fuorigioco facendo fuori Falcocchia con un bel pallonetto in corsa. Il Chieti però torna in vantaggio al 21′: azione dirompente di un’imprendibile Benedetti che entra in area, appoggia il pallone a Vukcevic che al limite fa fuori in orizzontale due avversarie e tira rasoterra sul palo lontano segnando un gran gol.
Alla mezzora l’Aprilia usufruisce di un calcio di rigore: palla persa al limite dell’area, Falcocchia esce sulla giocatrice di casa e la mette giù, venendo anche ammonita. Sul dischetto va Biasotto che però prende il palo, il pallone torna in campo e, dopo una mischia furibonda, viene allontanato dalla difesa neroverde.
Due minuti più tardi il Chieti, dopo la grande paura, ha l’occasionissima per chiudere i conti: Scioli viene atterrata in area, l’arbitro assegna il rigore, ma Vukcevic tira fuori con la sfera che sibila il palo alla sinistra del portiere.
Al 35′ viene espulsa Biasotto che lascia dunque l’Aprilia in dieci.
Il Chieti controlla saldamente il match ed ha anche altre due buone occasioni con Vukcevic e una con Giada Di Camillo, ma nulla di fatto.
Nei minuti di recupero l’Aprilia reclama un altro rigore per un episodio dubbio in area neroverde: Colecchi, entrata da qualche minuto in campo al posto di Di Domizio, su un calcio d’angolo battuto corto va a contrastare un avversaria quasi sulla linea di fondo, ma l’arbitro non ravvede gli estremi per la concessione del penalty. Finisce dunque 2-1 per il Chieti che festeggia una vittoria bella e convincente.

 

Le impressioni post partita di Mister Lello Di Camillo:
“È una vittoria meritata, ci sta tutta: se fossimo stati più cinici avremmo capitalizzato ancora di più, specialmente nella parte iniziale della gara. Poteva starci anche qualche gol di scarto in più.
Sono soddisfatto della squadra, sta viaggiando bene: volevamo conquistare tre punti per dare un altro volto alla nostra classifica e ci siamo riusciti. Come la scorsa settimana, alcune ragazze hanno giocato due partite in due giorni, ma hanno dato il massimo. Stiamo reggendo il campo al meglio sia atleticamente che fisicamente. Ci può stare qualche svarione perché la nostra difesa è stata più volte cambiata quest’anno e dunque non ha giocato insieme tutte le partite. Speriamo di concludere la stagione con un’altra vittoria per portare a casa 28 punti alla fine: visto come eravamo messi alla fine del girone di andata, sarebbe un ottimo risultato. È stata una bella corsa: ci siamo adeguati a tutte le difficoltà che abbiamo dovuto fronteggiare con tanto impegno. Abbiamo remato tutti insieme dalla stessa parte e i punti sono arrivati.
Peccato per qualche altro punto lasciato per strada, ma sono contento del nostro cammino.
Abbiamo ora una buona base sulla quale poter ripartire la prossima stagione
post

Bella vittoria per il Chieti Calcio Femminile contro il Sant’Egidio Femminile

Un ottimo Chieti Calcio Femminile conquista una bella vittoria contro il Sant’Egidio Femminile all’Angelini ed esce fra gli scroscianti applausi del pubblico a fine partita.
Tre punti importanti che fanno morale in vista degli ultimi due impegni del campionato e portano la squadra di mister Lello Di Camillo a quota 22 in classifica.
Prestazione da incorniciare per tutte le ragazze neroverdi: ancora belle parate da parte di Falcocchia, generosissima La Mattina, autrice di un gol strepitoso, solite combattive Giada Di Camillo e Benedetti, molto positivo il ritorno di Gangemi, bella prova delle giovanissime Di Domizio, Di Sebastiano e De Vincentiis, grintosa per tutti i novanta minuti Colecchi, motorino instancabile in mezzo al campo Coscia.
Il Sant’Egidio, che era reduce da una serie impressionante di risultati consecutivi, pur giocando una buonissima gara, ferma momentaneamente la sua corsa e rimane a 36 punti.
Al 2′ prima occasione per il Chieti con un tiro da fuori di Colecchi che finisce alto sulla traversa.
Tre minuti più tardi grande intervento di Falcocchia su Olivieri lanciata a rete, prima devia il suo tiro da fuori e poi blocca il pallone a terra. Ancora Olivieri si invola verso la porta, ma la sua conclusione si spegne a lato al 9′.
Al 14′ ottimo lancio in avanti di Giada Di Camillo per Scioli anticipata dall’uscita tempestiva di Pascale.
Al quarto d’ora ci prova con un rasoterra da fuori Di Sebastiano, ma il suo tentativo in diagonale finisce fuori dallo specchio della porta.
Al 18′ Scioli se ne va in contropiede, ma viene fermata in posizione di fuorigioco dal direttore di gara.
Al 19′ errore difensivo delle neroverdi, il pallone arriva sui piedi di Olivieri che, sola in piena area, tira incredibilmente a lato.
Al 28′ il Chieti va in vantaggio: ottima apertura di Di Domizio che favorisce l’incredibile discesa sulla fascia di La Mattina che si libera di tre avversarie e conclude con un perfetto diagonale che non lascia scampo a Pascale.
Al 33′ raddoppio del Chieti: Coscia opera un tiro – cross sul quale è incerta Pascale e il pallone finisce in rete. Al 38′ ci prova D’Arco da centro area, ma è reattiva Falcocchia che riesce a deviare il pallone.
Qualche secondo dopo è ancora protagonista Falcocchia sulla conclusione di Di Martino.
Si va negli spogliatoi con il Chieti in vantaggio per 2-0.
Al 1′ della ripresa Olivieri va verso la porta e sull’uscita di Falcocchia, la evita ma poi mette fuori a porta vuota.
Al 2′ su un tiro di una giocatrice del Sant’Egidio, La Mattina colpisce il pallone con il braccio e l’arbitro assegna il rigore, sul dischetto va Cuomo che spedisce alto.
Al 20′ il Sant’Egidio colpisce la traversa con un tiro di Di Martino deviato da un difensore neroverde.
Due minuti dopo è ancora Di Martino a spedire alto su calcio di punizione.
Al 28′ una punizione da metà campo innesca la conclusione di Di Martino, ma Falcocchia è ancora provvidenziale. Alla mezzora mischia furibonda in area neroverde, il pallone finisce sui piedi di Orlando che tira a lato.
Al 35′ Di Martino parte sulla fascia ma è brava di nuovo Falcocchia a chiuderla bene.
Tre minuti dopo lascia il campo fra gli scroscianti applausi il capitano Giada Di Camillo, stremata dopo la solita partita tutto cuore e corsa, sostituita da Forcella.
La giocatrice, al suo ritorno in campo dopo un po’ di tempo, ha subito una buona occasione per segnare, ma purtroppo non riesce a concretizzarla.
Al 41′ il Sant’Egidio accorcia le distanze con Paolillo che anticipa di testa l’uscita di Falcocchia.
Non succede più nulla fino al fischio finale: il Chieti Calcio Femminile va sotto la tribuna a salutare il pubblico e festeggiare la vittoria.
Tabellino della partita:
Chieti Calcio Femminile – Sant’Egidio Femminile 2-1
Chieti: Falcocchia, Di Camillo Giada (38′ st Forcella), Benedetti, Colecchi, Di Sebastiano, Gangemi, La Mattina, Scioli, De Vincentiis, Coscia, Di Domizio. A disp.: Gritti, La Centra, Carbonari.
All.: Di Camillo Lello
Sant’Egidio Femminile: Pascale, Paolillo, Crafa, Mazza, Severino (8′ st Calandro), Orlando, Sabatino, D’Arco, Cuomo, Olivieri, Di Martino. A disp.: Scalogna, Sicignano, Coccia.
All.: De Risi Valentina
Arbitro: Recchia di Brindisi
Assistenti: Fatato di Isernia e Colabianchi di Avezzano
Ammonite: Benedetti
Marcatrici: 28′ pt La Mattina, 33′ pt Coscia, 41′ st Paolillo

 

Le impressioni post partita di Samantha La Mattina:
“Il mio gol? Mi ha servito il pallone da centrocampo Arianna Di Domizio, ho provato a fare ciò che mi piace, cioè smarcare, ci ho creduto e sono arrivata fino in porta, ho guardato il portiere e ho tirato in diagonale segnando. Ho cercato questa rete, sono molto felice perché ci servivano i tre punti e sono riuscita a dare qualcosa in più alla squadra. Già contro la Ludos avevo visto un bel Chieti: il punteggio finale a Palermo è stato un po’ troppo severo, sapevamo che erano forti, ma nel primo tempo abbiamo giocato alla grande, poi sono uscite fuori loro nella ripresa e hanno vinto. Ho detto alle mie compagne di giocare come a Palermo anche contro il Sant’Egidio ed è andata anche meglio. Siamo verso la fine del campionato: ad inizio stagione non eravamo al top, erano arrivati anche dei risultati poco positivi, poi ci siamo messe sotto credendoci e unendoci sempre più come gruppo. Ora aspettiamo le ultime due giornate e daremo il massimo.
Il gruppo c’è e tutte abbiamo imparato a soffrire ed aiutarci a vicenda.
Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile contro il Sant’Egidio, ma ce l’abbiamo fatta. Dovremo mantenere lo stesso spirito per portare a casa il risultato anche nelle ultime due giornate. Con tante ragazzine in squadra è stato importante farle stare dentro un gruppo e farle crescere: anche noi abbiamo imparato tanto da loro e con loro siamo cresciute. Hanno tirato fuori la grinta giusta”.
post

Il Chieti Calcio Femminile lotta, ma esce sconfitto contro la Ludos

Nel recupero dell’ottava giornata del campionato, il Chieti Calcio Femminile, fortemente rimaneggiato, lotta palla su palla per tutti i novanta minuti contro la Ludos, ma alla fine esce sconfitto. Le neroverdi hanno venduto cara la pelle ed il risultato finale (4-0 a favore delle padrone di casa siciliane) è apparso decisamente troppo pesante per quanto visto in campo.
Almeno fino a metà della ripresa, quando poi ha subito il secondo gol, la squadra di mister Lello Di Camillo è stata decisamente in partita difendendosi con ordine e proponendosi anche in attacco.
La Ludos conquista così tre punti importanti che le permettono di agganciare il Grifone Gialloverde al secondo posto in classifica a quota 46 punti in attesa dello scontro al vertice di domenica prossima con la capolista Napoli. Il Chieti rimane a 19 ed è atteso nelle ultime tre giornate da tre partite più alla sua portata: la missione sarà dunque concludere questo campionato al meglio per poi pensare a pianificare la prossima stagione.
Mister Di Camillo deve fare di necessità virtù e schiera una formazione praticamente obbligata viste le assenze per squalifica di Vukcevic e Gangemi e i vari infortuni di altre giocatrici.
La cronaca si apre con il tiro di Schillaci al 4′ che si spegne di poco a lato.
Un minuto dopo Dragotto sfiora il vantaggio con Falcocchia che riesce a bloccare non senza difficoltà il pallone. All’11’ l’arbitro assegna un rigore alle padroni di casa per un atterramento in area su Bassano. Sul dischetto va La Mattina B., ma è bravissima Falcocchia a respingere la sua conclusione. La Ludos insiste e prima mette paura a Falcocchia con la traversa colpita da Schillaci al 21′ e poi trova la rete un minuto più tardi: Bassano serve bene Dragotto che si libera di una neroverde e batte un’incolpevole Falcocchia.
Il Chieti prova a reagire e costruisce una buona occasione al 25′ con Scioli che ruba palla, ma viene fermata da un difensore al momento del tiro.
Le padroni di casa continuano ad attaccare e al 27′ mancano di pochissimo il raddoppio quando il calcio di punizione di Dragotto si stampa in pieno sulla traversa.
Si va al riposo sull’1-0 per la Ludos.
Ad inizio ripresa il Chieti sembra tenere bene ed ha anche l’occasione per pareggiare al 18′ ancora con Scioli che, su un’indecisione difensiva, è brava ad inserirsi ma poi calcia sul portiere.
Passata la paura le siciliane trovano la seconda rete al 21′: è Dragotto a siglare la doppietta personale su assist di Bassano.
La Ludos trova il tris al 25′ con La Cavera che, appostata sul secondo palo, in posizione di dubbio fuorigioco, colpisce di testa su cross di Bassano e realizza.
Nei minuti di recupero è ancora protagonista La Cavera quando si invola e Falcocchia esce alla disperata: il portiere neroverde sembra toccare prima il pallone e poi l’avversaria le frana addosso, ma anche stavolta l’arbitro opta per il penalty. Rimarranno molti dubbi su questa decisione.
Sul dischetto si ripresenta La Mattina B. che stavolta trasforma chiudendo definitivamente i conti.
Finisce 4-0 per la Ludos con il Chieti che esce però dal campo con l’onore delle armi.
Tabellino della partita:
Ludos – Chieti Calcio Femminile 4-0
Ludos: Campanella, Governale, Intravaia, Talluto, Campo, Zito, Schillaci (23′ st Sciarratta), La Mattina Benedetta, Dragotto (34′ st Riccobono), Bassano, Caserta (1′ st La Cavera). A disp.: Iemma, Cusma.
All.: Licciardi Antonella
Chieti: Falcocchia, Di Camillo Giada (38′ st Carbonari), Benedetti, Colecchi, Gritti, Di Sebastiano, La Mattina S., Scioli, De Vincentiis, Coscia, Di Domizio. A disp.:.
All.: Di Camillo Lello
Arbitro: Franzoni di Lovere
Assistenti: Pellitteri e Grasso di Palermo
Marcatrici: 22′ pt e 21′ st Dragotto, 25′ st La Cavera, 47′ st (rig.) La Mattina B.

Le impressioni post partita di Mister Lello Di Camillo:
“Abbiamo disputato un’ottima partita, ci siamo difesi con ordine e abbiamo tenuto le nostre avversarie spesso in apprensione. Sapevamo della difficoltà di questo match, ma sono comunque contento della prestazione della squadra. Loro sono più forti di noi, il punteggio poteva essere però diverso e meno pesante, magari 3-1 invece che 4-0. Alle ragazze non posso rimproverare nulla perché tutte hanno dato qualcosa in più rispetto alle proprie possibilità del momento. Abbiamo fatto una buona figura per i mezzi che avevamo a disposizione: avevamo molti problemi alla vigilia di questa partita e tutte le ragazze, pur essendo contatissime, si sono sacrificate dando il massimo. Negli ultimi minuti di gara, a risultato ormai definito, ho sostituito Giada, che nel secondo tempo non riusciva neanche più a correre, facendo così esordire Carbonari”.
post

Mister Lello Di Camillo: “Per il Chieti Calcio Femminile è stata una stagione positiva”

Il Chieti Calcio Femminile domenica è atteso, nel recupero dell’ottava giornata di ritorno di ritorno, dalla difficile trasferta in Sicilia contro la Ludos, formazione fra le migliori del campionato, che ha attualmente 43 punti. Le neroverdi arrivano all’impegno in formazione rimaneggiata viste le squalifiche di Vukcevic e Gangemi e qualche infortunio di troppo, ma sono comunque decise a dare tutto e lottare in campo. Mister Lello Di Camillo non nasconde la soddisfazione per una stagione che è stata sì di transizione, ma ha anche portato a lanciare e presenta quelle che saranno le difficoltà dell’insidioso match con le siciliane:
“La Ludos è una squadra forte, ma ho sempre detto che il Napoli ha dimostrato nell’arco della stagione di essere la più completa ed attrezzata per arrivare al primo posto e credo che alla fine ce la farà. La Ludos e il Grifone hanno dato battaglia costantemente, tra l’altro proprio la Ludos avrà lo scontro diretto, ma penso che ormai i giochi per il primo posto siano fatti.
Noi non arriviamo in un momento ottimale a questa partita perché ci sono tante situazioni che non ci permetteranno di affrontare le nostre avversarie al meglio, però durante questa annata ci siamo presi sempre ciò che ci ha portato la sorte, fortune o sfortune che siano state. Affronteremo il match con la solita determinazione e la voglia di fare risultato, consapevoli del fatto che sarà dura visto che arriveremo con le giocatrici contate, ma non vogliamo assolutamente piangerci addosso. Loro hanno delle individualità che sono di categorie superiore, credo che sarà quasi impossibile portare un risultato positivo a casa, ma daremo il massimo.
Speriamo almeno di lottare molto di più di quanto fatto all’andata quando mollammo la presa troppo velocemente.
La Ludos ha il capocannoniere del campionato, la Bassano, che ha segnato 37 reti finora, ci sono altre ragazze forti a centrocampo ed i attacco. Hanno forse qualche piccola lacuna nel reparto arretrato, ma sono una squadra abbastanza completa che segna parecchi gol. Noi abbiamo sulle spalle le due squalifiche di Vukcevic e Gangemi e poi si sono concentrate altre situazioni, fra malanni di stagione o infortuni.
Voglio fare i miei migliori auguri ad Alessia Di Santo che si opererà al crociato e spero di rivederla presto in forma. La trasferta ci vedrà con le giocatrici contate, ma sono sicuro che quelle che andranno in campo daranno il massimo. Ora mi piace guardare al futuro: la squadra è salva, deve giocare altre quattro partite, importante è impegnarsi fino al termine della stagione.
Contiamo di prendere almeno altri 4-5 punti per chiudere a 24 0 25 in modo da aver così fatto la nostra degna figura portando a termine questo campionato che è stato per noi sì di transizione, ma dobbiamo guardare anche l’aspetto positivo, il fatto cioè di aver fatto maturare parecchie ragazze. Le prossime partite saranno più alla nostra portata e dunque miriamo a migliorare la nostra classifica il più possibile. Stiamo già ponendo le basi per il prossimo anno in modo da poter partire organizzati contrariamente a quanto fatto nelle ultime due stagioni nelle quali ci siamo riassestati in corsa strada facendo”.

Mister Di Camillo mostra grande orgoglio anche per l’Under 15 che ha superato la fase regionale ed ora dovrà vedersela con le squadre delle Marche e Umbria nella seconda fase.
“Ci tengo a sottolineare le grandi soddisfazioni che chi sta dando l’Under 15: è un gruppo molto giovane perché comprende tante ragazzine del 2005 e 2006. Siamo riusciti a centrare la qualificazione alla seconda fase e incontreremo squadre delle Marche e Umbria.
Abbiamo disputato otto partite ottenendo sette vittorie ed un pareggio, quest’ultimo arrivato a Pescara ma con la nostra qualificazione già acquisita.
Guidate da Giada e Vukcevic queste ragazzine hanno avuto un buon cammino: anche loro hanno dovuto fronteggiare parecchie defezioni e problemi, ma hanno stretto i denti centrando un obiettivo che è importante e ci inorgoglisce proiettandoci alla seconda fase come l’anno scorso.
Quest’anno speriamo di riuscire a superarla. C’è stato l’apporto di alcune che ragazzine giocano già in prima squadra e l’esperienza è uscita fuori”.
Si guarda dunque con ottimismo al futuro della prima squadra e già si è cominciato a lavorare in proposito come precisa Mister Lello Di Camillo:
“L’anno prossimo vogliamo migliorare la squadra partendo dal lavoro fatto quest’anno anche con quelle giovanissime che hanno fatto sacrifici mostrando attaccamento alla maglia.
Saranno parte integrante anche del gruppo per la prossima stagione che speriamo di allestire più competitivo per magari avere un’annata meno travagliata: quando ci sono un obiettivo magari più alto e uno stimolo maggiore anche le giovani che vengono inserite possono crescere sempre meglio”.
Tornando al fatto di aver fatto esordire tante giovanissime quest’anno, Mister Di Camillo ne elogia il campionato disputato ed è felice dei risultati da loro raggiunti:
“Almeno tre o quattro ragazzine hanno giocato in prima squadra con una certa continuità fra alti e bassi, hanno fatto la loro esperienza e questo è veramente positivo. Non è stato agevole per loro perché solitamente le giovanissime si lanciano un po’ alla volta insieme alle più esperte, ma per quanto ci è successo durante quest’anno non è andata così. Siamo partiti la scorsa estate un po’ incompleti a livello di rosa, poi ci è capitato di tutto: le ragazzine hanno avuto dunque sulle spalle un enorme peso di responsabilità per la loro età, è stato difficile dunque sopportare l’ansia della partita e del risultato. Io sono però molto soddisfatto di queste tre o quattro che ho fatto giocare sempre durante il campionato. Qualche altra giovane avrebbe potuto forse dare qual cosina in più, ma ha sentito troppo questa responsabilità ed è riuscita a rendere di meno: ci può stare ed è giustificabile”.
Un pensiero va anche alle giocatrici più esperte:
“Non ne ho avute tante in questa stagione in rosa. Un elogio va anche a loro ovviamente.
Posso solo rimproverare qualche cartellino di troppo che con maggiore attenzione poteva essere evitato e quindi sarebbero potute essere molto più utili alla causa. Purtroppo si sono trovate a che fare con un obiettivo e dei risultati riduttivi e quindi il nervosismo e qualche risultato negativo di troppo hanno giocato contro”.
In conclusione Mister Di Camillo parla dell’annata del Chieti Calcio Femminile anche se mancano ancora quattro giornate alla fine:
“Per come siamo partiti, per quanto ci è successo e per come avevamo pronosticato il nostro campionato, io, le ragazze e la società abbiamo fatto un buon lavoro. È stato un anno più sereno dal punto di vista della gestione sia perché tutti hanno dato il massimo per impegno e disponibilità. Con quanto fatto quest’anno, che verrà portato a termine fra circa un mese, noi mettiamo le basi per il futuro. Stiamo già cominciando a strutturare il tutto perché c’è l’intenzione di migliorarci: quanto potremo farlo lo vedremo più in là nel tempo.
Il buon lavoro svolto è stato il frutto soprattutto della fattiva collaborazione che le ragazze hanno mostrato quest’anno. Io le ho sempre incoraggiate a cercare di non mollare.
In campo le ho spronate tanto anche se da fuori a volte è sembrato che io mi agitassi un po’ troppo, però vi assicuro che in certi frangenti occorre anche quello. Negli spogliatoi ho dato loro sempre una buona parola, siamo stati tutti bravi ed attenti a rimanere uniti anche nelle difficoltà ed il merito è delle ragazze, come ho detto: è difficile riuscire a farlo quando ti ritrovi a 4-5 punti a dicembre. Non abbiamo neanche rinforzato la squadra, ma siamo rimasti con l’ossatura di inizio campionato. C’è stato pian piano qualche buon risultato e le cose sono cambiate.
Ultimamente abbiamo avuto anche qualche piccola battuta d’arresto, ma è normale quando si ha la rosa ristretta. Va comunque un applauso alle ragazze che ci hanno sempre creduto mantenendo costantemente un atteggiamento molto positivo” .
post

Con tre reti di Scioli e una di Benedetti il Chieti Calcio Femminile batte il New Team San Marco Argentano

Il Chieti Calcio Femminile riprende la sua corsa: dopo la sconfitta a Roma con il Grifone Gialloverde, le neroverdi battono il New Team San Marco Argentano all’Angelini 4-0 e si portano a quota 19 in classifica.
Scioli è stata la grande protagonista della giornata con una pregevole tripletta personale, poi una maestosa Benedetti ha siglato la quarta rete, un gol da lei tanto aspettato a coronamento della sua ottima stagione disputata finora. La squadra teatina ha sempre avuto in mano le redini del gioco senza rischiare mai: le avversarie si sono affacciate ben poche volte dalle parti di Falcocchia che ha trascorso così una giornata di ordinaria amministrazione.
La cronaca del match si apre al 4′ quando Vukcevic mette in movimento Gritti che dal limite dell’area tira alto.
All’8′ su una punizione dalla fascia di Colavolpe, un rimpallo favorisce F. Carnevale la cui fortuita deviazione mette apprensione a Falcocchia, ma il pallone finisce fuori.
Al 9′ Benedetti entra in area e serve perfettamente Vukcevic che prova la deviazione volante, la palla viaggia pericolosamente sulla linea di porta, ma non entra.
Al 16′ su angolo di Vukcevic esce a vuoto V. Carnevale, ma nessuna giocatrice neroverde ne approfitta.
Al 32′ da una bella iniziativa di Giada Di Camillo sulla fascia nasce una grande occasione per il Chieti: palla al centro, uscita a vuoto di V. Carnevale, ma Vukcevic non trova il pallone e l’azione sfuma.
Un paio di minuti dopo su una punizione di Vukcevic, Greco a centro area devia di testa all’indietro ed il pallone si stampa in pieno sulla traversa.
Al 38′ mischia furibonda in area ospite, ma ancora un nulla di fatto con il pallone che finisce a lato.
Al 40′ punizione un’altra velenosa di Vukcevic finisce di un soffio alta sulla traversa.
Un minuto dopo Scioli lancia Vukcevic fermata dal direttore di gara per un dubbio fuorigioco.
Da uno schema di calcio d’angolo al 43′ nasce la rete del vantaggio del Chieti: Benedetti mette al centro e Scioli anticipa di testa l’uscita di V. Carnevale. Si va dunque al riposo con le neroverdi in vantaggio per 1-0.
Al 4′ della ripresa un gran tiro dal vertice dell’area di Vukcevic si stampa in pieno sulla traversa, un gesto tecnico che avrebbe meritato sicuramente ben altra sorte.
All’8′ azione strepitosa di Vukcevic che si libera di un difensore con una veronica e tira verso la porta, ma è brava V. Carnevale ad opporsi deviando il pallone in angolo.
Poco dopo il quarto d’ora l’arbitro fischia un fuorigioco a Vukcevic che non c’è visto che è Gritti a trovarsi in posizione di offside in quel momento, l’attaccante protesta e rimedia il giallo, poi lo stesso arbitro mostra il rosso alla giocatrice neroverde e in tanti non ne comprendono la reale motivazione. Vukcevic dovrà per questo saltare sicuramente la partita con la Ludos.
Al 23′ cross di Di Sebastiano per Benedetti che a centro area spara verso V. Carnevale che blocca il pallone. Un minuto più tardi La Mattina serve Benedetti che mette in area, tocco al volo di Di Sebastiano che mette fuori.
Benedetti sfiora la rete quando si invola al centro del campo ma poi conclude alto al 25′.
Al 27′ raddoppio del Chieti con un autentico eurogol di Scioli che firma la doppietta personale con un tiro da fuori che inganna V. Carnevale.
Al 32′ Gangemi colpisce il pallone sugli sviluppi di un calcio d’angolo, V. Carnevale è incerta e la sfera finisce in rete, ma l’arbitro incredibilmente annulla per un inesistente fallo di mano della stessa Gangemi che viene anche ammonita nell’occasione e dovrà anche lei dunque saltare la prossima partita contro la Ludos.
Al 38′ Scioli firma la tripletta con un’azione solitaria e tiro sull’uscita del portiere.
Al 44′ fuga verso la porta di Benedetti che scarta anche V. Carnevale e deposita in rete: meritatissimo gol dopo una prestazione maiuscola.
Nei minuti di recupero Scioli viene messa letteralmente giù in piena area da due difensori ospiti, ma il direttore di gara lascia di nuovo incredibilmente proseguire l’azione senza sanzionare il fallo.
Finisce con le ragazze neroverdi a festeggiare la vittoria sotto la tribuna fra gli scroscianti applausi dei tifosi.
Tabellino della partita:
Chieti Calcio Femminile – New Team San Marco Argentano 4-0
Chieti: Falcocchia, Di Camillo Giada, Benedetti, Vukcevic, Colecchi, Gritti (23′ st De Vincentiis), Di Sebastiano, Gangemi, La Mattina, La Centra, Scioli. A disp.: Moscatelli, Carbonari, Di Domizio.
All.:
New Team San Marco Argentano: Carnevale V., Cucciniello, Iannuzzi T., Greco, Gatto (19′ st Bruno), La Rocca, Chiappetta, Carnevale F., Gaglianone, Colavolpe, Iannuzzi M. A disp.: .
All.: Bartucci Andrea
Arbitro: Meo di Isernia
Assistenti: Di Rocco e Perfetto di Pescara
Ammonite: Gangemi, Vukcevic
Espulsa: Vukcevic
Marcatrici: 43′ pt, 27′ st, 38′ st Scioli; 44′ st Benedetti

Le impressioni post partita di Barbara Benedetti:
“Il gol è stata una bella soddisfazione personale: dopo tanto tempo sono riuscita a segnare quindi ero particolarmente contenta e si è visto nonostante fosse la rete del 4-0 e dunque non rilevante ai fini del risultato. Aspettavo da troppo questa cosa: è il coronamento di tanti sacrifici e di una voglia di giocare e mettercela sempre tutta. L’approccio alla partita da parte nostra non è stato dei migliori: nei primi minuti eravamo in difficoltà a livello di costruzione del gioco, non riuscivamo a far girare palla e fare delle azioni ben costruite per poi arrivare magari alla conclusione. Man mano che si andava avanti nella partita, in particolare nel secondo tempo, le cose sono andate meglio. All’intervallo ci siamo spronate a vicenda negli spogliatoi e dopo siamo riuscite a giocare abbastanza bene anche perché loro sono scese fisicamente e noi ci abbiamo creduto un po’ di più. Sono sempre felice quando segna Chiara Scioli perché dà tanto in campo, corre e fa chilometri e chilometri, può capitare a volte che sia poco lucida sotto porta perché arriva stanca, ma quando segna è bellissimo, poi in questa occasione può portarsi il pallone a casa vista la tripletta. Per la prossima trasferta la squadra sarà decimata, ma non partiamo sconfitte pur sapendo che arriveremo a Palermo non nelle migliori condizioni viste le assenze per squalifica di Vukcevic e Gangemi: ce la metteremo comunque tutta.
Due settimane di pausa ci potranno servire per recuperare magari qualche giocatrice infortunata.
L’ultimo pensiero va ai tifosi: quando ho segnato ho fatto il gesto di mandare un cuoricino verso la tribuna perché quando sono in campo sento la loro spinta e quanto ci incitano. Ho voluto ringraziarli dedicando loro il mio gol”.
post

Chieti Calcio Femminile sconfitto a Roma dal Grifone Gialloverde

Il Chieti Calcio Femminile perde a Roma 2-0 contro il Grifone Gialloverde.
Le neroverdi erano contatissime a causa di vari infortuni ed alcune assenze importanti.
Le padrone di casa hanno messo alle corde le teatine sin dai primi minuti mantenendo il pallino del gioco e proponendosi costantemente in fase d’attacco per tutti i novanta minuti.
Per il Chieti una sconfitta che non cambia poi molto la situazione di classifica, visti i risultati degli altri campi ed anche il fatto che domenica prossima le neroverdi sono attese da un match casalingo alla portata contro il New Team San Marco Argentano nel quale sarà obbligatorio cercare di conquistare i tre punti.
Per il Grifone Gialloverde arriva la quattordicesima vittoria in campionato e, grazie al concomitante pareggio del Napoli, la vetta della classifica è ora distante solo tre punti.
Migliore in campo una strepitosa Lisa Falcocchia: il portiere del Chieti, uscita anche fra gli applausi dei tifosi di casa, è stata autrice di almeno sei o sette interventi decisivi che hanno permesso di rendere meno pesante il passivo.
La cronaca del match si apre all’8′ con un lancio in avanti di Seranaj che manda Tata quasi a tu per tu con Falcocchia, ma l’attaccante angola troppo il diagonale e mette fuori.
Al 13′ un rimpallo favorisce Giada Di Camillo che si gira ma tira debolmente fra le braccia di Casteltrione.
Il Grifone torna in attacco al 20′ quando una deviazione volante di Sciberras su cross di Falloni mette apprensione a Falcocchia con la palla che finisce di un soffio a lato.
AL 25′ le padrone di casa passano in vantaggio: punizione di Falloni, respinge la difesa neroverde, ma al limite dell’area è in agguato Sgambato che trova una rete strepitosa con un gran tiro all’incrocio dei pali.
Al 36′ da un’azione sulla fascia di Benedetti nasce una confusa mischia in area con il pallone che finisce fra le braccia di Casteltrione. Al 40′ Falcocchia esce sui piedi di Clemente che cade a terra, ma l’arbitro lascia giustamente proseguire seppur fra le proteste delle gialloverdi.
Due minuti più tardi Falcocchia è da applausi a scena aperta quando toglie letteralmente la palla dal sette con un prodigioso balzo sulla conclusione a giro di Sgambato.
Il primo tempo si chiude con il Grifone in vantaggio per 1-0.
La ripresa si apre sempre nel segno della squadra di mister Berruti. Al 6′ è Clemente a colpire in pieno la traversa con un gran tiro da appena dentro l’area, la palla torna in campo ma Sgambato manda alto.
Al 10′ ancora un’indiavolata Sgambato lascia partire un bolide che sibila l’incrocio dei pali della porta difesa da Falcocchia. Un minuto dopo Tata serve al centro ancora Sgambato che prova a piazzare la palla sul palo opposto, ma è di nuovo una strepitosa Falcocchia a negarle la doppietta personale deviando sul palo il pallone che poi finisce in angolo.
Al 12′ la costante pressione del Grifone viene premiata con il raddoppio: Santoloci crossa al centro per Clemente che duetta con Seranaj e, complice una deviazione di Gangemi, mette il pallone in rete dal limite dell’area.
Un minuto dopo Seranaj salta Falcocchia ma poi si divora il gol mettendo a lato.
Al 22′ Falcocchia evita il tris del Grifone respingendo la botta ravvicinata di Seranaj.
Al 25′ da una punizione di Vukcevic nasce una furibonda mischia in area gialloverde conclusasi però con un nulla di fatto. Alla mezzora ancora una punizione di Vukcevic mette in movimento Benedetti il cui tiro-cross si spegne fra le braccia di Casteltrione. Al 33′ Clemente si spinge in avanti, si accentra cercando di saltare Falcocchia, arriva in corsa Sgambato la cui conclusione viene bloccata con sicurezza dalla stessa Falcocchia.
Al 37′ Tata arriva a tu per tu con Falcocchia e prova a scavalcarla per ben due volte con un lob, ma il portiere neroverde è di nuovo bravissima a non farsi sorprendere, l’azione continua e Falcocchia riesce incredibilmente ad opporsi anche al gran tiro di Clemente.
Nei minuti di recupero la neo entrata Di Bernardino prova il tiro a giro, ma Falcocchia è di nuovo insormontabile e blocca.
Finisce il match con il Grifone vittorioso per 2-0.
Tabellino della partita:
Grifone Gialloverde – Chieti Calcio Femminile 2-0
Grifone Gialloverde: Casteltrione, Santoloci (43′ st Curatella), Pagano (36′ st Simonini), Sciberras, Percuoco, Falloni (25′ st Bartolucci), Sgambato (36′ st Di Bernardino), Clemente, Tata, Seranaj, Rossi (43′ st Saccoman). A disp.: Marciano, Antonilli, Di Bernardino, Zangla, Conti.
All.: Gian Luca Berruti
Chieti Calcio Femminile: Falcocchia, Di Camillo Giada, Di Santo, Benedetti, Vukcevic, Di Sebastiano, Gangemi, La Mattina, La Centra, De Vincentiis, Coscia. A disp.: Colecchi, Gritti, Carbonari, Moscatelli, Di Domizio.
All.: Lello Di Camillo
Arbitro: Ceresini di Lodi
Assistenti: Cassini e Ligresti di Civitavecchia
Marcatrici: 25′ pt Sgambato, 12′ st Clemente
Ammonite: Percuoco (G); Di Santo, Benedetti e De Vincentiis (C)

Le impressioni post partita di Lisa Falcocchia:
“La parata più difficile? La prima, quella sul tiro a giro di Sgambato diretto forse all’incrocio dei pali: in quelle occasioni serve mantenere la concentrazione giusta, ma anche gli altri interventi non sono stati facili. Tutte le partite per me sono uguali: devo mantenere sempre la stessa concentrazione, ma in queste occasioni così dure forse ne serve di più. Una giornata come questa mi ha visto molto impegnata. Il risultato finale rispetta l’andamento della partita, ma avremmo potuto fare sicuramente meglio, ci siamo allenate bene dunque avremmo dovuto dare di più nei novanta minuti. Abbiamo giocato bene, ma loro erano molto forti in attacco, ci hanno costantemente tenuto in apprensione. Potevamo aggredirle di più, ma abbiamo preferito aspettarle per poi magari attaccare, ma non ci siamo riuscite.
È bello aver avuto gli applausi per me da parte della tifoseria avversaria, non capita spesso e mi ha fatto felice, l’ho apprezzato molto: questo mi serve da sprono a fare sempre meglio.
Domenica prossima ci aspetta un’altra partita da non sottovalutare contro il New Team San Marco Argentano: all’andata abbiamo pareggiato in trasferta, ma avremmo potuto vincere.
Ora dovremo allenarci al meglio per poter arrivare al match nelle migliori condizioni e portare a casa i tre punti visto che sono alla nostra portata: dobbiamo vincere.
Bisogna cercare di portare avanti il buon momento di forma della squadra che dura dalla fine del girone di andata. Dobbiamo assolutamente fare punti nelle prossime partite per stare tranquilli il più possibile e salire in classifica”.